domenica 27 gennaio 2013

Pasta patate, provola e pancetta

O meglio “”past’eppatate”! Come suona nella cadenza locale, quella del popolo napoletano detentore di questa ricetta della tradizione, fatta di ingredienti semplici ma saporiti come la provola e la pancetta. La base è un matrimonio tra la pasta e le patate, lasciate cuocere fino a diventare una morbida crema. Indicata per questa preparazione tutti i tipi di pasta corta, tra i quali io  ho scelto i dischi volanti della Garofalo, dalla forma divertente ed avvolgente e come condimento il sugo già pronto sempre della Garofalo, provola fresca e pancetta. In pochi minuti avrete un primo piatto delle ricette storiche napoletane davvero gustoso, da servire caldissimo con il formaggio che fila… :)

Ingredienti
Pasta corta 250 gr.
Patate 2 piccole
PAST’EPPATATE Garofalo 1 vasetto
Provola 100 gr.
Pancetta 60 gr.
Olio extra vergine di oliva 1 cucchiaio
Sale q.b.
Pepe nero q.b.

Tagliate la pancetta a dadini e rosolatela in una padella con un filo d’olio mantenendola morbida. Agitate il vasetto di PAST’EPPATATE Garofalo e versatelo nella stessa padella. Aggiungete ½ litro d’acqua e le patate  sbucciate e tagliate a pezzi. Portate ad ebollizione, schiacciate le patate e versate nella stessa padella anche la pasta. Lasciate cuocere aggiungendo qualche mestolo d’acqua se necessario e mescolando di tanto in tanto. A fine cottura aggiungete la provola a pezzetti, mantecate bene e servite subito ben caldo con un po’ di pepe nero macinato.

3 commenti:

Michela ha detto...

Non sapevo la garofalo facesse anche i sughi! Bella la tua ricetta, molto saporita!

Ho appena scoperto il tuo blog, ora vado a curiosare tra le ricette che ho intravisto qui sotto, molto appetitose ;)

Nel frattempo mi aggiungo anche ai followers :)

A presto,
Michela www.cook-alaska.blogspot.it/

Daniela ha detto...

Ciao Michela e benvenuta!
Grazie per esserti aggiunta ai miei followers ;)
Passo a trovarti presto anch'io!!

sississima ha detto...

è piaciuto molto anche a me past'eppatate, bello anche il formato della pasta, un abbraccio SILVIA