mercoledì 18 maggio 2011

Il tempo delle fragole



Quello giusto è proprio questo e, più precisamente, solo da aprile a luglio è possibile gustare fragole al giusto punto di maturazione e quindi più dolci e profumate.
La crescente destagionalizzazione di questo frutto è dovuta alla richiesta costante durante tutto l’anno da parte di consumatori e ristorazione, il che fa aumentare l’offerta nei supermercati e nei menu di frutti cresciuti in serra.
La valutazione sensoriale prevede come criteri:
·                    intensità del profumo
·                    consistenza
·                    succosità
·                    sapore dolce
·                    sapore acido
·                    sapore amaro

Un buon frutto dovrebbe avere profumo e aroma intensi,  giusta consistenza, buona succosità, equilibrio tra sapore dolce e acido e nessuna percezione di amaro, astringente o erbaceo.
Per il loro sapore, profumo e colore le fragole sono ingrediente ideale in pasticceria, ma si esprimono in sorprendenti sensazioni in abbinamento a formaggi freschi, come la mozzarella di bufala o la robiola di capra, trasformata in salsa da accompagnarsi a tagliate di carne o arrosti.
Il colore brillante le rende inoltre un ottimo elemento decorativo di tartellette, pasticcini mignon, torte e crostate.
Per  me l’abbinamento ideale è con lo yogurt, il gelato o la crema pasticcera, come nella prossima ricetta che vi propongo.

1 commento:

Silvia ha detto...

Ottima descrizione sensoriale...a mio parere è sempre meglio utilizzare gli alimenti nella loro stagione di crescita e non sopporto i fruttivendoli che necessariamente vogliono propinarmi le fragole a gennaio con la storiella che sono ottime!!!